Come scegliere il tuo Master Reiki
12 Luglio 2021
Cellulite e il suo significato psicosomatico
21 Luglio 2021

Caldo e pressione bassa

Capiamo come comportarci

Caldo improvviso, afa, umidità, asfalto bollente, inquinamento nelle grandi città, le vacanze per alcuni di noi sono ancora lontane e già ci sentiamo stanchi, spossati, deboli e ci sembra difficile portare a termine perfino i più semplici compiti quotidiani!
Mentre la temperatura sale velocemente, la nostra pressione sanguigna, al contrario, in molti casi scende “pericolosamente”, provocandoci sintomi fastidiosi e difficili da gestire. Meglio, allora, affidarsi ai rimedi della natura per riacquistare forza ed energia!

Cos'è la pressione bassa?

Si parla di pressione bassa o ipotensione quando la pressione sanguigna si attesta a livelli inferiori alla norma, di solito calcolata, nell’adulto, intorno ai 110-120/70-80 mmHg. I valori considerati sono la pressione sistolica (massima), quando il cuore si contrae per spingere in circolo il sangue, e la pressione diastolica (minima), quando il cuore si rilascia per riempirsi di sangue, prima di una nuova contrazione.
Alla base del malessere, molto spesso, vi è uno squilibrio nel rapporto tra massima e minima, più significativo rispetto ad un livello basso ma costante nel tempo. Per intenderci, vi sono persone che hanno costituzionalmente valori pressori molto bassi ma non soggetti a sbalzi, che non avvertono alcun sintomo e vivono benissimo. Altre, invece, con valori anche solo di poco inferiori alla norma, ma più “ballerini”, che già ai primi caldi avvertono in misura molto accentuata tutti i sintomi tipici dell’ipotensione.

Quali sono i sintomi dell'ipotensione?

La sintomatologia dell’ipotensione comprende manifestazioni di vario genere. In questo ambito ci riferiamo unicamente a soggetti in buono stato di salute, senza alcuna patologia in atto e la cui ipotensione sia riferibile unicamente ad una condizione fisiologica di affaticamento dell’organismo nell’adattarsi al caldo clima estivo.
E’ evidente che, in caso di fenomeni ipotensivi intensi e prolungati nel tempo, che non trovino sollievo con accorgimenti e rimedi naturali, occorre un’attenta valutazione medica per esaminare il quadro di salute complessivo del soggetto e per escludere eventuali patologie in corso.
I sintomi più facilmente riscontrabili sono:

  • stanchezza

  • debolezza

  • apatia

  • mal di testa

  • affaticamento

  • ronzii alle orecchie

  • annebbiamento della vista

  • capogiri

  • vertigini

  • sonnolenza

Che differenza c’è tra ipotensione e cali di pressione?

Negli stati ipotensivi i sintomi sono “costanti”. Ci sentiremo spesso deboli, privi di energia, affaticati e questo malessere ci potrà accompagnare ininterrottamente anche per diversi giorni di seguito, a differenza del calo pressorio che, invece, è un fenomeno repentino e dalla sintomatologia più forte. In un certo senso rappresenta una forma di difesa dell’organismo che ci protegge, ad esempio in questo caso, dall’eccesso di calore.
I sintomi più comuni del calo di pressione sono:

  • debolezza molto intensa

  • sensazione di gambe che cedono

  • tremori

  • annebbiamento della vista

  • capogiri

  • vertigini

  • annebbiamento della vista

  • sensazione di blocco all’altezza di stomaco e plesso solare

  • aumento della sudorazione

  • lipotimie

  • svenimenti

Cosa fare in caso di ipotensione?

5 rimedi semplici e veloci

L’ipotensione da adattamento al clima estivo, nel soggetto sano, non è una condizione in sé pericolosa, tuttavia può rendere la nostra vita e le nostre giornate molto faticose. Vediamo insieme alcuni utili accorgimenti per riacquistare energia e vitalità in modo semplice e veloce!

4

Si alla liquirizia!

La liquirizia naturale è molto utile in caso di sensazione di affaticamento e stanchezza dovuti a ipotensione. Portane sempre con te se soffri di pressione bassa, ma controlla che sia naturale!

5

Qualche granello di sale grosso per le emergenze!

Far sciogliere qualche granello di sale grosso integrale di Trapani sotto la lingua è un rimedio della nonna molto efficace in caso di repentino calo di pressione. Provare per credere!

Aiutiamoci con la Fitoterapia

La fitoterapia è un antico e molto efficace metodo di cura che sfrutta i principi attivi di erbe e piante utili per la nostra salute.
I rimedi fitoterapici che consigliamo in caso di pressione bassa da caldo sono:

Oligoterapia

Un aiuto prezioso

L’oligoterapia è una metodica terapeutica che si basa sulla somministrazione di quantità infinitesimali di oligoelementi, cioè sostanze chimiche presenti in minima traccia nel nostro organismo e fondamentali per diverse funzioni vitali.
Gli oligoelementi che suggeriamo per l’astenia da caldo sono:

Rame-Oro-Argento

La combinazione degli oligoelementi Rame–Oro-Argento aumenta l’energia contrastando gli stati di debolezza e affaticamento psicofisico che accompagnano l’ipotensione.
Suggeriamo di assumere a giorni alterni, per circa due mesi, 1 fialetta al risveglio da tenere un minuto sotto la lingua prima di deglutire.
Come “terapia d’urto” in caso di ipotensione da caldo, assumere 1 dose, due o tre volte al giorno, lontano dai pasti, fino a miglioramento dei sintomi.

Floriterapia

Fiori di Bach

La floriterapia di Edward Bach è un ottimo rimedio vibrazionale per riportare equilibrio al sistema mente-corpo restituendo energia e vitalità all’organismo.
I rimedi vengono ottenuti da fiori selvatici raccolti al mattino presto in luoghi energeticamente incontaminati e lasciati per un tempo stabilito in immersione in acqua di fonte esposta al sole oppure ottenuti attraverso il metodo della bollitura.
I Fiori di Bach che consigliamo per l’ipotensione da caldo sono:

Honeysuckle

Quando la spossatezza è accompagnata da nostalgia e rimpianto del passato.

Willow

Quando si tende al risentimento e all’autocommiserazione.

Aromaterapia

Fiori di Bach

L’Aromaterapia è una metodologia di cura naturale che sfrutta le proprietà degli oli essenziali estratti per distillazione in corrente di vapore.
Gli oli essenziali, che devono sempre essere puri, biologici al 100% e naturali, possono essere inalati, applicati localmente o nebulizzati nell’ambiente, versando alcune gocce negli appositi diffusori. Possono anche essere diluiti in olio vettore, come ad esempio l’olio di mandorle dolci o olio di jojoba, per un rilassante massaggio.
Gli oli essenziali che suggeriamo per l’ipotensione da caldo sono:

Rosmarino, Timo e Salvia

Rosmarino, Timo e Salvia, sotto forma di oli essenziali, rappresentano un valido aiuto per ritrovare le forze e risollevare la pressione sanguigna.
Possono essere utilizzati nei massaggi, diluendo 10 gocce in 30ml di olio di jojoba (olio vettore), oppure si possono distribuire negli ambienti, versando poche gocce direttamente negli appositi diffusori.
Per ritrovare energia e vitalità, in particolare suggeriamo l’impiego di 2 gocce di olio essenziale di Rosmarino puro direttamente sotto la pianta del piede nel punto 1 di Rene della Medicina Tradizionale Cinese, cioè sulla fossetta che si forma piegando in basso le dita dei piedi e massaggiare alcuni minuti con movimento circolare in senso orario.

Ipotensione da caldo

Ecco cosa non dobbiamo fare