La cellulite. Cause, significato psicosomatico e rimedi naturali

Corso ThetaHealing® DNA2 Base
03/08/2017
Il caffè: rischi e benefici per la nostra salute
31/08/2017

La cellulite. Cause, significato psicosomatico e rimedi naturali

Cos’è e come si manifesta

Con il termine “cellulite” si intende un disturbo caratterizzato dalla presenza di depositi di adipe sottocutaneo uniti a grappolo e accumulati nella parte più esterna dei tessuti, in specifiche zone del corpo (in particolare fianchi, glutei, cosce e braccia) la cui pelle assume il caratteristico aspetto a “buccia d’arancia”.

Quando nelle cellule adipose del tessuto connettivo, dette adipociti, vengono accumulate grandi quantità di molecole di grasso, tossine e residui del metabolismo, questi aumentano di volume, con un conseguente incremento della massa grassa.

La cellulite è una condizione che colpisce prevalentemente le donne, sia perché fisiologicamente presentano un maggior numero di cellule adipose, sia perché gli adipociti vengono stimolati dagli estrogeni, gli ormoni femminili, ad ingrossarsi e ad arricchirsi di liquidi. Tuttavia, in base alla costituzione fisica, può essere presente anche negli uomini, ed anche in persone molto magre.

7 fattori predisponenti

All’origine di questo antiestetico fenomeno vi sono una serie di fattori da tenere sempre in considerazione:
• Cattiva circolazione sanguigna e linfatica;
• Alimentazione squilibrata e poco sana;
• Mancanza di attività fisica;
• Sovrappeso (anche se non è una condizione essenziale, visto che la cellulite colpisce anche moltissime donne magre);
• Squilibri ormonali;
• Stress;
• Infiammazioni dell’organismo ed eccesso di tossine.

Il significato psicosomatico

Ritenzione idrica e cellulite sono strettamente connesse al tema del “trattenere”, con particolare riferimento alle emozioni (dolori del passato, rimpianti, paure…).

Nella donna, la cellulite è lo specchio del proprio vissuto interiore e del rapporto che ha con corpo e femminilità. Una cellulite molto evidente può essere collegata ad autosvalutazione, rinuncia alla propria sessualità e blocchi affettivi o sessuali che mettono in atto una strategia di difesa da parte del corpo, nell’area del bacino, creando una sorta di “salvagente” di grasso che ha lo scopo di tenere al riparo da emozioni e affettività.

L’approccio naturopatico

Il naturopata valuterà la situazione d’insieme della persona, il suo stile di vita, l’alimentazione, il livello di stress presente e fornirà un insieme di suggerimenti in grado di portare la persona verso un regime di vita equilibrato e sano, riducendo il livello infiammatorio e di stress, e favorendo il benessere globale dell’organismo.

Il trattamento della cellulite non è affatto banale né semplice, tuttavia, se intervenire su una cellulite di vecchia data può risultare più lungo e impegnativo, prevenire o quanto meno intervenire quando il disturbo si trova ancora ai primi stadi risulta essere l’approccio migliore.

4 regole a tavola per una giusta alimentazione

Ridurre

Sale, zucchero e tutti quei cibi che ne contengono in grandi quantità (dolci, prodotti da forno, insaccati, formaggi grassi e stagionati, ecc.).

Inserire

Nell’alimentazione, nelle giuste proporzioni, cibi contenenti fitoestrogeni, quali soia, legumi, cereali integrali, frutta e verdura in grado di riequilibrare la produzione degli ormoni sessuali femminili.

Introdurre

Come condimento di insalate e verdure, olio o semi di canapa, olio o semi di lino (macinati per renderli assimilabili dall’organismo) e piccole porzioni di noci, nocciole e mandorle, in grado di fornire una buona quantità di acidi grassi essenziali omega3, con effetto antiaging e antinfiammatorio.

Crudo, fresco e colorato

Non dimenticarsi mai di consumare un buon quantitativo di verdura e frutta fresche, di stagione, possibilmente biologiche, suddivise in 5 porzioni giornaliere per la verdura e 2 per la frutta:
• cominciare il pasto con una buona porzione di verdura cruda e fresca;
• consumare la frutta lontano dai pasti per evitare fermentazione e gonfiore addominale;
• ricordarsi di bere almeno 1 litro e ½ di acqua, possibilmente a basso residuo fisso, al giorno (variabile in base all’attività fisica praticata e al quantitativo di frutta e verdura introdotto), in modo da facilitare

l’eliminazione delle tossine.

8 consigli per abitudini e stile di vita

No all’eccesso di stress!

E’ stato dimostrato, infatti, che ansia, inquietudine ed insoddisfazione portano alla produzione di cortisolo, l’ormone dello stress, che fissa il grasso attorno a cosce e fianchi. Ritmi di vita frenetici, tensione e insoddisfazione contribuiscono inoltre all’accumulo di tossine, producendo stati infiammatori che, a loro volta, contribuiscono al manifestarsi del fenomeno “cellulite”.

Attività fisica

Svolgere regolare attività fisica (almeno tre ore settimanali, a giorni alterni), in modo da attivare il metabolismo, migliorare la circolazione sanguigna e smaltire l’eccesso di grasso, ricordandosi di abbinare agli esercizi aerobici (corsa, bicicletta, ecc.) anche esercizi di tonificazione come addominali e squat.

Indumenti giusti

Evitare gli indumenti eccessivamente attillati che bloccano la circolazione sanguigna impedendo ai liquidi di drenare.

No al fumo!

La nicotina contenuta nelle sigarette, infatti, è in grado di provocare danni, oltre che alla nostra salute, anche alla nostra bellezza, rendendo la pelle secca, priva di tonicità e soggetta a ritenzione idrica.

Attenzione alle allergie!

Anche le allergie possono essere all’origine dell’odiato fenomeno della cellulite: nel corso di una reazione allergica, infatti, il nostro corpo rilascia le istamine che favoriscono la ritenzione idrica.

Farmaci

Limitare al minimo l’uso di farmaci: Alcuni principi attivi come l’ibruprofene, infatti, contribuiscono a provocare ritenzione idrica.

Per le donne

Evitare il più possibile di indossare tacchi alti e scarpe a pianta stretta che impediscono al piede di spingere e pompare il sangue al cuore, favorendo ristagni venosi nelle gambe.

Gambe incrociate

No all’abitudine di stare seduti a lungo con le gambe incrociate! In questa posizione, infatti, viene fatta una maggiore pressione sulla vena della coscia, rallentando la circolazione sanguigna.

9 Rimedi naturali

Una naturopata esperta e qualificata saprà affiancare all’attenzione per alimentazione e stile di vita, una serie di rimedi naturali efficaci, in base alle caratteristiche e al terreno individuale, per contrastare gli squilibri all’origine della cellulite.

Per via orale

• Linfa pura di Betulla per purificare il sistema linfatico ed eliminare l’eccesso di tossine;
• Tintura madre di Tarassaco o di Carciofo per aiutare la depurazione del fegato;
• Tintura madre di Mirtillo nero o di Ippocastano per favorire la circolazione venosa e tonificare i vasi sanguigni;
• Oligoelementi Zinco-Rame per contribuire alla regolarizzazione degli estrogeni.

Per uso esterno

Esistono in commercio svariate creme, gel e oli essenziali che possono essere utili, abbinati ad un bel massaggio, nel trattamento della cellulite, in particolare quelli a base di:
• Caffeina;
• Estratti di edera;
• Centella asiatica;
• Ippocastano;
• Oli essenziali di limone e ginepro.