I trattamenti per i dolori da tensioni e contratture nel Reiki Tradizionale Giapponese
31/08/2017
I Simboli nel Reiki (Shirushi)
31/08/2017

Solo per oggi (Kyo dake wa)

“Solo per oggi” è un invito a vivere il presente, il “qui e ora”… e poi, se ci pensiamo, dire “Solo per oggi” ci pone di fronte ad un obiettivo più realistico, rispetto a ripeterci, ad esempio, “Non mi arrabbierò più per tutta la vita!”

1. Non ti arrabbiare (Ikaru-na)

La rabbia è un atteggiamento di re-azione di fronte ad un’ingiustizia o un pericolo, ma in qualsiasi momento noi possiamo scegliere di agire invece di continuare a re-agire.
Ogni persona che incontriamo arriva per farci fare un’esperienza, a volte ci può anche ferire o fare del male, ma siamo noi che decidiamo come comportarci, chi frequentare, quando perdonare, chi lasciar andare…

2. Non ti preoccupare (Shinpai suna)

Pre-occuparsi significa occuparsi di qualcosa che deve ancora avvenire. Chi vive nella pre-occupazione vive in balia delle proprie paure proiettate in un futuro più o meno prossimo, dimenticandosi, in questo modo, di vivere l’infinito momento presente.

3. Sii grato (Kansha shite)

Una volta si ringraziava per ogni cosa, compreso ciò che si metteva a tavola. Oggi si è persa questa abitudine e tendiamo a dare tutto per scontato. Ma il potere della gratitudine è immenso… per gli altri… e perfino per noi!

4. Lavora con impegno (Gyo wo hageme)

Il lavorare sodo si intende in un duplice senso: il lavoro interiore (crescita spirituale) e il lavoro che ci dà sostentamento, che va svolto con onestà, chiedendo il giusto compenso e senza sopraffare gli altri. !

5. Sii gentile con i tuoi simili (Hito ni shinsetsu ni)

Oggi spesso confondiamo la gentilezza con la compiacenza e con il desiderio di essere accettati dagli altri, cosa che, per il nostro bambino interiore, equivale ad essere amati.
Ma la vera gentilezza è ben altro: possiamo verificare il nostro livello di crescita spirituale ad esempio nei rapporti familiari o sul lavoro… è lì che troviamo ogni giorno le persone più adatte per farci provare rabbia, frustrazione, ansia… e per farci lavorare su di noi!