I trattamenti mentali nel Komyo Reiki Ryoho
31/08/2017
Tanden Chiryo Ho – La tecnica di depurazione dalle tossine
31/08/2017
Assistiamo oggi ad una grande disomogeneità negli insegnamenti trasmessi con il Reiki, tanto da generare, purtroppo, confusione e, spesso, diffidenza in chi si avvicina per la prima volta a questa disciplina spirituale.
Una persona, infatti, che scegliesse di partecipare a più Seminari Reiki, organizzati da Master Reiki diversi, si troverebbe, con molta probabilità, a ricevere tecniche, insegnamenti, e simboli molto differenti, e spesso in contraddizione tra loro.

Reiki Occidentale e Reiki Tradizionale Giapponese

L’origine di tale disomogeneità sta nella confusione tra il Reiki Occidentale, che ha visto una grandissima diffusione, in Italia, soprattutto in epoca New Age, e il Reiki Tradizionale Giapponese (tuttora poco diffuso).
Ma se, come sostengono alcuni, il Reiki è energia (disponibile per tutti) che importanza ha tale distinzione?
Il fatto è che il Reiki Tradizionale Giapponese è una disciplina spirituale messa a punto da un Maestro Illuminato (Mikao Usui), mentre il Reiki Occidentale, che si è cominciato a diffondere a partire dal 1939 negli Stati Uniti, è stato “personalizzato” negli anni risentendo della stratificazione di diversi insegnamenti derivanti anche da altre discipline che poco avevano e hanno a che vedere con gli insegnamenti originari del suo fondatore.

La storia del Reiki. Come mai il Reiki Occidentale si è così allontanato dalla Tradizione?

Il Reiki, in Occidente, deve la sua diffusione ad Hawayo Takata, una giovane donna hawaiana di origini giapponesi, che era stata curata e guarita da un male incurabile nella clinica di Chujiro Hayashi, allievo di Mikao Usui. Rientrata nelle Hawaii, la signora Takata decide di imparare Reiki e diffonderlo, divenendo a sua volta insegnante. Tuttavia, non essendo più Usui in vita, alla morte del suo Maestro Hayashi, la signora Takata si autodefinisce l’unica Master Reiki vivente e comincia a diffondere Reiki prima alle Hawaii e poi negli Stati Uniti e da qui nel resto del mondo.

La “personalizzazione” del Reiki

Ai primi 22 Master formati in Occidente, Takata impartisce insegnamenti personalizzati, diversificandoli a seconda dell’allievo. Ciascuno di questi Master, a sua volta, ha avuto la possibilità, secondo quanto appreso, di personalizzare i propri insegnamenti in base al proprio sentire e alla propria interpretazione personale. Ed è così che oggi ci troviamo di fronte a tantissimi stili di Reiki Occidentale che con gli insegnamenti originari hanno veramente molto poco a che vedere (Karuna Reiki, Osho Reiki, Money Reiki, Reiki Aurico, solo per citarne alcuni…) D’altronde, se da un lato è vero che la signora Takata ha modificato il Reiki tradizionale per cercare di adattarlo ai gusti occidentali, focalizzandosi sull’aspetto prettamente terapeutico e dimenticando la sua profonda valenza spirituale, è anche da considerare il fatto che in quel particolare momento storico, senza la sua opera, probabilmente il Reiki non si sarebbe mai diffuso in Occidente e sarebbe rimasto unico appannaggio, in Giappone, di una ristrettissima cerchia che gravitava attorno alla scuola di Usui, la Usui Reiki Ryoho Gakkai.

La mia scelta

Dopo aver terminato un percorso di Master Occidentale, mi sono trovata disorientata di fronte ai pareri e agli insegnamenti discordanti di altri Master che, come me, si trovavano a navigare in questo mare di confusione e di idee contrastanti. Volendo con tutto il cuore insegnare questa meravigliosa disciplina, nutrivo il profondo desiderio di trasmettere informazioni, tecniche e simboli conformi alla tradizione. Ma che cosa si poteva, a questo punto, ritenere corretto e cosa no? Così, visto che “nulla accade per caso”, mi si è presentata l’opportunità di seguire un percorso di Reiki Usui Ryoho Tradizionale Giapponese più vicino agli insegnamenti del Maestro Usui. Ma il passo decisivo si è avuto quando sono divenuta membro della Komyo ReikiDo, la scuola fondata e tutt’oggi presieduta dal Rev. Hyakuten Inamoto. La partecipazione al Seminario per Insegnanti Komyo ReikiDo è stata un’occasione unica per poter conoscere nella sua essenza più unica questa meravigliosa Arte che è il Reiki. Oggi, la mia scelta e il mio impegno sta nel trasmettere tutti gli insegnamenti tradizionali ricevuti, avendo cura di preservare l’integrità e la purezza di quanto mi è stato tramandato.