Privacy
02/10/2017
Halloween - Jack O' Lantern
Halloween tra tradizione e leggendaParte 2
30/10/2017

Reiki, Maestro Master Insegnante?

 
Lasciati guidare dalla forza del Cuore… Lui Sa tutto ciò che la mente non vede!
 

La confusione tra Maestro illuminato e Master Reiki

E qui, ancora una volta si rischia di fare confusione tra Maestro spirituale illuminato e Master (o, meglio insegnante di) Reiki.

L’insegnante di Reiki, nella maggior parte dei casi, non è altro che una persona normale, come tutte le altre, con le proprie debolezze e le proprie paure, che però ha seguito un percorso (possibilmente serio!) di crescita personale e che desidera metterlo a disposizione del prossimo.

La convinzione diffusa che tutto ciò che è spirituale (e connesso all’energia!) debba essere distribuito gratuitamente è soltanto una giustificazione della mente umana egoica e razionale, ma in realtà sappiamo bene che non è così!

Non è mia intenzione esprimere un giudizio, né dire cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, né tantomeno esaltare la spiritualità degli insegnanti di Reiki o condannarli se chiedono un compenso per il proprio operato. Si tratta, ripeto, di persone normali, magari con qualche conoscenza ed esperienza in più rispetto a molti altri, ma che stanno, come tutti, seguendo un percorso di vita.

E allora, cosa distingue un buon insegnante di Reiki da chi invece non lo è?

Un buon insegnante di Reiki è, prima di tutto, preparato e ha seguito una buona formazione. Avrà quindi stabilito prezzi ragionevoli che gli consentiranno di condurre una vita dignitosa e di poter partecipare, a sua volta, a corsi e aggiornamenti.

Adotterà un atteggiamento equilibrato e corretto nel chiedere il giusto compenso per i propri insegnamenti, frutto di esperienze, studi, e seminari seri di formazione e approfondimento.

Un buon insegnante si dedicherà a tempo pieno a ciò che trasmette e che generalmente diviene sua unica fonte di reddito e quindi, in quest’ottica, è corretto che esiga un pagamento a fronte del proprio operato per poter condurre, come tutti, una vita dignitosa.

Un insegnante valido adotterà un comportamento etico, facendosi pagare (una cifra equa ed accettabile) e offrendo, se possibile, i propri insegnamenti gratuitamente a chi desidera (seriamente) apprendere Reiki ma non può (veramente!) permetterselo.

Ricordiamoci sempre che nella maggior parte dei casi un insegnante di Reiki, come ogni professionista, ha da affrontare spese vive, il costo del materiale didattico, l’affitto dei locali dove tenere i corsi, le tasse da pagare…

Come comportarsi?

Alla luce di queste riflessioni, il mio suggerimento è di affidarsi al buon senso e al proprio cuore per la scelta dell’insegnante di Reiki, senza farsi ingannare da false illusioni di tipo spirituale né dai preconcetti e giudizi tipici della mente razionale.